Aspetti fisiologici della regolazione del peso e teoria del “set point”

Il nostro sistema di regolazione del peso assomiglia al termostato di una caldaia: quando viene impostata una certa temperatura, il sistema si accenderà ogni volta che il sensore rileva che la temperatura è scesa al di sotto del valore di riferimento (set point).

Allo stesso modo, il peso corporeo della maggioranza dei soggetti resta considerevolmente stabile nel tempo, come se l’organismo avesse come riferimento un certo valore che viene assunto come tipico per quel dato individuo. A persone diverse corrispondono set point diversi e poiché il peso è una di quelle variabili influenzate da innumerevoli fattori sia fisiologici che psicologici,, spesso si potrà discostare anche notevolmente da quello che sarebbe fisiologicamente in relazione alle caratteristiche costituzionali del singolo individuo.

In base a questa teoria, l’organismo, una volta abituato a un certo peso, tenderà a mantenerlo nel tempo e si opporrà a qualsiasi cambiamento.

Ciò può spiegare come le persone affette da obesità o sovrappeso trovino in genere così grandi difficoltà a raggiungere e mantenere un calo ponderale.

L’aumento di peso può derivare sia da un aumento delle dimensioni delle cellule (ipertrofia), sia da un aumento del loro numero (iperplasia), ma è appurato che la sola dieta sembra in grado di ridurre solo le dimensioni delle cellule adipose, ma non il loro numero, mentre una perdita di peso significativa viene raggiunta solo quando diminuisce il numero di tali cellule (Landsberg, Krieger 1989).

Ma vi sono anche altri fattori in grado di influenzare la regolazione del peso, vediamo insieme quali sono:

  • Fattori dietetici e sociali. L’aumento della disponibilità di cibo in tutto il mondo, ma soprattutto nei paesi occidentali, ha provocato e facilitato il passaggio da una dieta ricca di carboidrati e fibre a un tipo di alimentazione caratterizzata da un elevato contenuto di grassi e zuccheri che, se ingeriti in modo incontrollato, possono condurre a un aumento di peso.
  • Influenze familiari. L’educazione alimentare ricevuta influenza, fin da piccoli, il nostro comportamento alimentare. L’abitudine a mangiare tutto ciò che c’è nel piatto, l’utilizzo di cibi dolci o ipercalorici come premio per essersi comportati “bene”, il clima che si respira a tavola e molte altre consuetudini familiari, rinforzano nel tempo determinati comportamenti alimentari. Spesso ciò si traduce in una perdita della sensibilità verso il reale contributo nutritivo degli alimenti nonché verso i segnali fisiologici di fame e sazietà.
  • Fattori iatrogeni. Alcune sostanze, quali gli antipsicotici, gli antidepressivi e gli antiepilettici ma anche l’insulina e i corticosteroidi, tendono a produrre un significativo aumento ponderale. Questo, soprattutto in persone geneticamente predisposte, può condurre dal sovrappeso all’obesità, anche in tempi relativamente brevi.
  • Fattori psicologici. Le persone con tendenza al sovrappeso potrebbero differire per vari ordini di fattori, compresi quelli temperamentali, da quelle normopeso, relativamente alla sensibilità agli stimoli che innescano il comportamento alimentare.

I meccanismi coinvolti nella regolazione del peso sono talmente tanti che, per comodità e semplificazione, vengono spesso racchiusi in due macro-categorie: fattori genetici e fattori ambientali. Ma non solo: l’obesità è una malattia così complessa da indurre i ricercatori a parlare di diversi tipi di obesità anziché di obesità in senso stretto. Non si tratta quindi di un singolo disturbo ma di un gruppo eterogeneo di condizioni con cause multiple (Boselli,1998), il che ne rende molto complesso il trattamento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...